A Gianni Gueggia il Premio Nazionale di pittura 2018 della Pro loco

Si è svolta sabato 8 settembre 2018 la premiazione della 21^ edizione del Concorso nazionale di pittura 2018 promosso dalla Pro loco di Monselice. Una manifestazione, presente da più di vent’anni nel territorio monselicense  che raccoglie partecipanti in tutta Italia. Le opere in concorso sono state 96; come ogni anno le tematiche sono state diverse, di alto livello; tra gli artisti anche qualche monselicense, forse per incentivare la produzione locale sarebbe opportuna una sezione specifica. Pochi i giovani partecipanti. La commissione artistica composta da: Gabriella Niero (Critico d’arte) Riccardo Ghidotti (Critico d’arte) Giorgio Laurenti (Pittore) Massimo Betto (Collezionista) e Maria Grazia Canazza (Presidente della Pro Loco) hanno selezionato i tre vincitori.

Al primo posto si è classificato Gianni Gueggia di Castrezzato (BS) con il quadro Melodia notturna . Info sull’artista  [Clicca qui]

Gianni Gueggia di Castrezzato (BS) con il quadro Melodia notturna

Motivazione: « In questa melodia notturna si attesta la cifra artistica di alta qualità compositiva delle figure musicanti. Gli strumenti seguono la sinuosità dei corpi protesi a chiari leggeri movimenti. Onirici suoni della notte rischiarata dai volti tondi e ben lavorati di questa tecnica mista matericamente consistente.» Riccardo Ghidotti


Al secondo posto si è classificato Giuseppe Macella di Saronno (VA) con l’opera Conforto momentaneo. Info sull’artista  [Clicca qui]

Giuseppe Macella Conforto momentaneo; secondo classificato

Motivazione: «Vibrazioni di conforto momentaneo, in quest’opera pregevole sia per l’impostazione informale dell’accostamento di colore, sia per l’evanescente doratura del riquadro che traspare oltre un ostacolo nero.» Riccardo Ghidotti


Al terzo posto si è classificato Ivano Biasetti di Solara (MO) per l’opera Danza metallica.  Info sull’artista  [Clicca qui]   [Clicca qui]

Ivano Biasetti Danza metallica; terzo classificato

Motivazione: «Danza metallica, evidente figura in posizione centrale. Buona la soluzione volumetrica della figura in movimento danzante. Pennellate decise e buona resa di queste nell’opera a tecnica mista su tela. Il fondo, ben lavorato, ha una cromia soffusa, ma chiaramente impostata per evidenziare la figura dai toni argentei e chiari in primo piano.» Riccardo Ghidotti 


Al quarto posto si è classificato Carlo Panzavolta

Carlo Panzavolta

Commento: L’opera finalista è un’acquaforte, una tecnica di incisione destinata alla stampa. I soggetti rappresentati sono “uccellini” un motivo comune nei dipinti dell’artista; considerati un ricordo della sua giovinezza trascorsa in campagna a contatto con la natura.


Le opere vincitrici hanno uno stile molto particolare degno di nota ma sono da segnalare altri promettenti artisti:

Giuseppe Fochesato di Schio (VI) con l’opera dal titolo Umanità

Commento: Il dipinto mette in evidenza le imponenti capacità umane nel costruire e nel distruggere. Il Duomo di Milano,la chiesa più grande d’Italia, rende l’umanità fragile, dissolta nell’ambiente circostante, sopraffatta dalla sua creazione.


Matteo Dal Santo di Montagnana (PD) con l’opera dal titolo A sunny day

Commento: Il risultato ottenuto dal giovane artista è molto realistico, il paesaggio diventa una fotografia, con un unica differenza; la tecnica pittorica così minuziosa rende il paesaggio vivido


Elisa Bon di Baone (PD) con l’opera dal titolo Metafora

Commento: Un dipinto molto simbolico, intimo e luminoso. Le onde del mare, dipinte ad acquerello, immergono violentemente il faro creando un’infinità di emozioni colorate.


Daniela Dario di Bovolenta (PD) Ragazza cubana

Commento: Ritratto molto realistico, esprime perfettamente il senso di tristezza del soggetto raffigurato.

Tutte le opere sono esposte in mostra a Villa Ca’ Emo fino al 23 settembre 2018. Maggiori informazioni sul sito della Pro Loco di Monselice [vai…]

(Editor Stefania Vitale)