Conferimento della Cittadinanza onoraria di Monselice ai proff. Giuseppe Billanovich e Paolo Sambin

Nel pomeriggio del 27 ottobre 1996 – durante la 13^ edizione 1996 dei premi brunacci – presso la Biblioteca del Castello ha avuto luogo un incontro di studio sul tema: Spiritualità e letteratura nell’età del Petrarca, al termine del quale è stata conferita la cittadinanza onoraria ai prof. Giuseppe Billanovich e Paolo Sambin. Il convegno è stato presieduto da Antonio Rigon, sono intervenuti: Paolo Sambin sul tema Francesco Petrarca amico di Ildebrandino Conti, vescovo di Padova; Mauro Tagliabue, I libri di Ildebrandino Conti, vescovo di Padova; Sandro Carocci, La Roma dell’Anonimo Romano; Luigi Gui, Da Arquà al mondo un venticinquennio di attività nel nome del Petrarca.

Al professor Sambin il Comune di Monselice ha concesso la cittadinanza onoraria con la seguente motivazione: Studioso impareggiabile delle fonti medioevali da cui riportò alla luce figure, luoghi ed esperienze della nostra terra con interventi che ci hanno ricordato chi siamo e donde siamo. La città di Monselice concede la Cittadinanza onoraria, 27 ottobre 1996.

MOTIVAZIONE (Delibera  del Consiglio Comunale n. 161 del 20.03.1996) Paolo Sambin, nato a Terrassa Padovana il 25 febbraio 1913, si è laureato in Giurisprudenza e in Lettere presso l’Università di Padova. E’ stato allievo dei proff. Lazzarini, Gloria e Cessi. Ha iniziato la sua attività come bibliotecario della Biblioteca Civica di Padova. Successivamente, dal 1965 al 1983, è stato professore di paleografia e di Storia medioevale nelle Facoltà di Magistero e di Lettere dell’Università di Padova. Ha indagato su ogni settore della storia civile, culturale e religiosa di Padova e del Veneto concentrando le sue indagini soprattutto sulla storia dell’Università di Padova e nello studio delle Istituzioni ecclesiastiche. Numerosi sono gli articoli da lui promossi, vagliati, corretti e pubblicati nelle più prestigiose riviste storiche, quali ad esempio: La rivista di Storia della Chiesa in Italia e Italia medioevale e moderna. E’ autore di numerosi scritti (103 ne hanno elencati S. Bernardinello e L. Rossetti nel libro Viridarium floridum contenente diversi saggi offerti dagli allievi del prof. Paolo Sambin) alcuni dei quali riguardano proprio la storia di Monselice. I suoi studi su Bartolomeo di lacopo da Valmontone hanno consentito al prof. G. Billanovich di scoprire l’autore della “Cronica” sopraccitata.

Nella stessa occasione venne conferita la cittadinanza onoraria anche al professor Giuseppe Billanovich quale insigne interprete del preumanesimo che con perspicace ricerca ha tracciato la via per dare il volto che fu di Bartolomeo di Iacopo da Valmontone arciprete di Santa Giustina di Monselice. La città di Monselice concede la Cittadinanza onoraria, 27 ottobre 1996.

MOTIVAZIONE (Delibera del Consiglio Comunale n. 161 del 20.03.1996) Giuseppe Billanovich, nato a Cittadella il 6 agosto 1913, si è laureato in Lettere all’Università di Padova nel 1934, insegnando dal 1945 al ’48 all’Istituto Orientale di Napoli, per passare poi, al Warburg Institute di Londra e successivamente all’università di Friburgo e, infine, alla Cattolica di Milano dal 1955. Dal 1958 è condirettore con A. Campana, C. Dionisetti e P. Sambin di Italia Medioevale e Umanistica. I suoi studi e le sue ricerche eccellono per la ricchezza delle informazioni e delle schede, frutto di lunghi e tenaci spogli, e per vigoria sintetica nel fondere queste informazioni in un discorso unitario e sintetico. La maggior mole del suo lavoro verte sul Petrarca, di cui Billanovich ha minuziosamente ricostruito le fonti letterarie e in generale tutto il monumentale apparato culturale.
Il prof. Billanovic non ha potuto essere presente per un improvviso malore, erano presenti i suoi familiari.