Il dialettologo Manlio Cortelazzo è stato nella giuria del Brunacci

Manlio Cortelazzo è stato un grande linguista, dialettologo e autore di vocabolari etimologici di ampia diffusione. Nato a Padova il 19 dicembre 1918, si laurea in Glottologia nell’anno accademico 1959-60 sotto la guida di Carlo Tagliavini. Svolge la sua attività prevalentemente all’Università di Padova, dove insegna dialettologia italiana dal 1967 al 1989. Ricopre vari incarichi di alto valore culturale: tra questi dirige per parecchi anni il Centro di dialettologia italiana del Consiglio Nazionale delle Ricerche e l’Atlante Linguistico Mediterraneo presso la Fondazione Cini di Venezia. Curatore e redattore di riviste scientifiche, dà alle stampe numerose e importanti pubblicazioni. Si sofferma in particolare sulla storia dei dialetti della nostra regione, approfondendo anche quello monselicense. La sua opera principale, però, è il Dizionario etimologico della lingua italiana, in cinque volumi, ideato e redatto assieme a Paolo Zolli (Bologna, Zanichelli, 1979-88). Ha pubblicato nel libro curato da Antonio Rigon “Monselice” un importante studio sul dialetto monselicense-

Componente la giuria del Premio Brunacci a partire dalla terza edizione (1986), entrandovi in concomitanza con un altro illustre personaggio: Gian Antonio Cibotto. Manlio Cortelazzo muore a Padova il 3 febbraio 2009. Con la sua scomparsa il mondo accademico padovano e non solo ha perso un appassionato studioso, ancora oggi punto di riferimento imprescindibile per molti italianisti.

Con Delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 31-05-2005 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria con la seguente motivazione.

Professore emerito di Dialettologia italiana presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Padova, Cortelazzo ha svolto la sua attività scientifica nell’ambito dell’Università patavina e, per quattro anni, nella sede udinese dell’Università di Trieste, insegnando dialettologia italiana e storia della lingua italiana. È stato, inoltre, professore ospite nelle università di Innsbruck, Graz e Budapest. Addestratosi alle ricerche sul campo con le inchieste per l’Atlante linguistico mediterraneo, ha tratto da questa esperienza il Vocabolario marinaresco elbano. Ha pubblicato due volumi di un manuale di dialettologia italiana e in collaborazione con Paolo Zolli i cinque volumi del Dizionario etimologico della lingua italiana , con Ugo Cardinale il Dizionario di parole nuove e con Carla Marcato un Dizionario etimologico dei dialetti italiani . Dal 1996 è componente della Giuria dei premi Brunacci contribuendo, tra l’altro, allo sviluppo dello studio del dialetto monselicense nel saggio: Il dialetto medievale e il dialetto di oggi , in Monselice. Storia, cultura e arte di un centro “minore” del Veneto . A cura di Antonio Rigon, Monselice 1986. Infine in collaborazione con la biblioteca comunale, ha organizzato numerosi momenti culturali per tutta la popolazione di Monselice.