I “Mandala” dell’artista monselicense Gloria Parisotto in piazza Ossicella

È stata inaugurata domenica 9 giugno 2019 presso la torretta di piazza Ossicella la mostra personale di Gloria Parisotto. Nativa di Monselice, Gloria ha vissuto diversi anni a Firenze per poi tornare all’ombra della Rocca. Diplomata all’Istituto Corradini di Este, proviene da una famiglia di artisti e ha sempre amato profondamente la creatività, realizzando negli anni opere molto diverse. Nel tempo libero si dedica alla lettura, allo studio e alla ricerca di nuove ispirazioni. Ha sposato la filosofia buddista e pratica la meditazione, attività che la aiuta a trovare serenità ed equilibrio in questo mondo caotico. Non a caso i “Mandala”, protagonisti della mostra, sono elementi legati alla tradizione orientale: si tratta di rappresentazioni simboliche del cosmo, di origine antica, in cui ogni colore ha un preciso significato. Vengono poi esposti alcuni quadri astratti: uno di questi è intitolato “Il flusso delle emozioni” e vuole catturare il singolo istante, esprimendo il carattere fugace e transitorio del reale. Non vengono però fornite rigide indicazioni: ogni visitatore è chiamato a interpretare ciò che osserva sulla base della propria sensibilità.

Il flusso delle emozioni, opera di Gloria Parisotto

«Attraverso la mia arte desidero dare voce a me stessa» spiega l’autrice, «Dipingo quello che mi piace, seguo la mia libera ispirazione. Faccio ciò che dice l’anima e nel tempo mi evolvo, passando a nuove fasi artistiche». Gloria, che lavora come responsabile per un noto brand di cosmesi, è attiva sui social network e ha un proprio sito Internet (www.gloriaparisotto.it) dove include anche una galleria con numerose immagini dei suoi lavori. La prima mostra personale dell’artista, ospitata al complesso monumentale SanPaolo, risale al 2012. L’esposizione allestita nella torretta di piazza Ossicella, invece, comprende oltre una ventina di opere. Si può visitare fino al 19 giugno prossimo: la sera rimane aperta fino alle ore 22 e l’ingresso è libero. Ai cittadini monselicensi, e non solo, è offerta tramite questa iniziativa l’opportunità di accostarsi a un’arte originale, inedita e indubbiamente affascinante.