I mestieri di un tempo di Giancarlo Fabbian

I MESTIERI DI UN TEMPO DI GIANCARLO FABBIAN
Presentiamo il nuovo libro dell’amico Giancarlo Fabbian sui ‘Mestieri de ‘na volta: desparà desmentegà canbià’. Quest’opera, scritta in dialetto veneto, vuole ricordare i lavori dei nostri nonni per guadagnarsi da vivere. Tanti di questi mestieri si fanno ancora, con modalità e tecnologie diverse al giorno d’oggi. Allora si facevano a mano, con ingegno e fatica. Erano meno precisi ma dei veri e propri capolavori d’artigianato. I mestieri principali di quei tempi erano: el fornaro (il fornaio), el marangon (il falegname), el munaro (il mugnaio), el casolin (il salumiere), el tabachin(il tabaccaio), el sartore (il sarto), el becaro (il macellaio), el fatore (il fattore), el mezadro (il mezzadro), el fitavolo (il fittavolo), el contadin (il contadino), l’omo de canpi (il bracciante), el boaro (il bovaro), el piegoraro (il pastore), el massin (chi uccide e lavora i maiali). Altri sono l’incalmadore, el biavadore, el paiarolo, el socolaro, el castrin, el polamarolo, el pessaro, el tosadore, el latarolo, el spesiale, el ‘rolojaro, el betolaro, el strassaro, el cariolante, el becchin, el campanaro, el priarolo, el cavatore, el manovale, la comare (ostetrica porta a porta), la lavandara, el megolaro, el botaro, el carbonaro, el caretiere, el caregheta, le merletare, el marescalco, el pignataro.
Non solo un elenco, ma un ricordo di vita di quegli anni, duri ma vivaci. Dunque nel secondo Dopoguerra il centro di Monselice era davvero vitale in campo commerciale e artigianale. Ecco una poesia dedicata ai barcari un tacito richiamo al recente libro di Paolo Malaguti che riprende lo stesso argomento
BARCARI
A Bataja prima del’ano mie
No ghe jera case strade e vie
Soo poca tera se scansa
Da ea aqua in abondansa
Che da ste parte querzeva tuto
E poco ghe jera de suto
A eoara i siori padovani
D’acordo coi moseesani
I ga costruio un canae
Che ciapava tute e aque dee vae
E co’ na serie de canaete
i ga tirà fora dee tere benedete
che e costejava el canale Vigensone
che se butava nel Bachilione
Bataja xe cresua in mezo ae aque
E ea so zente se ga atresà de barche
Tra canai coetori forse e scoi
A Bataja rivava tute e aque dei coi
Co’ un salto de sete metri dal canae dea Bataja
Nel Vigenson e barche se raja
Risparmiando ‘na setimana
Par rivare nea laguna venesiana
Co’ vin fromento e scaje
Sesti bote e maje
El popoo euganeo el comerciava
Queo che i barcari de Bataja trasportava .
Complimenti al nostro Giancarlo per ricordarci la Monselice di una volta.