Il laboratorio teatrale di Fabio Gemo

Applausi finali

Venerdì 3 giugno 2016 all’auditorium Kennedy si è svolto lo spettacolo teatrale ‘Masse o dell’impunità esistenziale’ messo in scena dal laboratorio teatrale di Fabio Gemo. Molti attori sono monselicensi, ma per non far un torto a nessuno, li citiamo come da programma: Elena Agugiaro, Emanuele Boscolo, Francesco Gherardi, Erica Guzzo, Enzo Ibellani, Vanna Lionello, Anna Materazzo, Camilla Mingardo, Flavia Padoan, Nicola Pasetti e Silvia Veronese. Bravissimi tutti, carichi di energia e con ottima presenza scenica. Buona la recitazione complessiva. Difficile invece raccontare lo spettacolo. All’inizio una voce narrante elenca alcune contraddizioni della società attuale attirando l’attenzione degli oltre 100 spettatori – quasi tutti giovani – sulla moralità imperante. L’importante è la forma esteriore e non quella interiore, ripetono spesso gli attori che sono alla ricerca di un fantomatico regista che dovrebbe dare un senso alla loro vita. Ma così non sarà. La società rappresentata dalla ‘massa’ deve riconoscere che l’evoluzione culturale non ha prodotto nessun beneficio per la società e anche la rivoluzione che doveva rimodulare la vita degli uomini è stata omologata dal sistema. Alla fine rimane solo la morte intesa come morte dello spirito da invocare e ricercare come soluzione finale. La conclusione dello spettacolo è senza speranza, un pessimismo che  viene vissuto come sconfitta per l’umanità che ha lasciato tutti gli spettatori con l’amaro in bocca.

Nel suo complesso lo spettacolo è riuscito a trasmettere la ‘magia’ del teatro, speriamo che gli simili spettacoli  possano essere ripresi nella programmazione delle manifestazioni monselicensi.

Particolare con l'attore che interpreta il regista
Particolare con l’attore che interpreta il regista

 

L'attrice che cercherà inutilmente di parlare con il regista
L’attrice che cercherà inutilmente di parlare con il regista