La mostra d’arte di Antonio Zerbetto

La materia è diventata arte nei quadri del pittore monselicense Antonio Zerbetto, presente durante la 20ª Edizione de La Rocca in Fiore alla mostra Fideuram incontra l’arte domenica 20 maggio 2018

La materia è diventata arte nei quadri del pittore monselicense Antonio Zerbetto, presente durante la 20ª Edizione de La Rocca in Fiore alla mostra Fideuram incontra l’arte domenica 20 maggio 2018. A far riscoprire l’artista è Chiara Andolfo, Consulente finanziario Fideuram, che colpita dai colori vividi dei suoi dipinti ha deciso di organizzarne la mostra. Lo sguardo dello spettatore viene catturato dalle nature morte e dai paesaggi agricoli e cittadini che con l’accostamento di colori caldi e freddi ricordano la terra e la natura. Ciò che più colpisce è il senso di movimento che trasmettono i suoi quadri, l’artista racconta di aver dipinto le vedute osservate durante i suoi viaggi in bicicletta, quando il terreno sembrava venirgli incontro. Riesce quindi a tramettere la sua stessa sensazione allo spettatore che si sente sommerso dal dipinto.

Via Matteotti (Este) di Antonio Zerbetto

Un esempio può essere l’opera raffigurante Via Matteotti (Este), una scena talmente rigogliosa da far partecipare lo spettatore alla scena di vita dei personaggi. Zerbetto si rivela una artista e una persona umile e garbato, non solo attraverso i suoi quadri vitali e allo stesso tempo malinconici; ma anche personalmente per il modo in cui accoglie egli stesso lo spettatore alla sua mostra artistica.

Tra le opere esposte attraggono l’attenzione: Via Matteotti (Este), Verso Arquà e Campo di mais con casa rossa; nella quale l’osservatore sembra farsi largo tra le piante per raggiungere la casa rossa come meta dei suoi sogni .

Verso Arquà di Antonio Zerbetto
Campo di mais con casa rossa di Antonio Zerbetto

Un ringraziamento, un augurio di una promettente carriera e un invito a tutti di approfondire la conoscenza di questo noto artista monselicense.

Biografia

Antonio Zerbetto è nato il 29 ottobre 1942, risiede a Monselice, ed è sempre stato attratto dall’arte in generale, a cui si è avvicinato fin da bambino. Per motivi familiari ha seguito un percorso formativo in ambito geometrico per poi coltivare la sua passione da autodidatta. L’artista disegna volti umani, nudi femminili, alternando la leggerezza con la forza nel segno, riuscendo così a meglio esprimere il volume del corpo umano. Allo stesso tempo continua i suoi viaggi nei Colli Euganei e nell’isola veneziana di Burano, dando origine a dei cicli pittorici sul paesaggio; alternando la pittura ad olio a pennellate con quella a spatole ottenendo suggestivi effetti materici. Dal 1967 è presente alle più importanti manifestazioni artistiche, a numerose mostre collettive e diverse personali. Gli vengono riconosciuti premi e segnalazioni varie in molti concorsi di pittura, in collezioni private e pubbliche. I riconoscimenti più significativi: Primo premio concorso “Città di Monselice”, Segnalazione speciale estemporanea nazionale d’Agna, Terzo premio estemporanea Montegrotto Terme, Premio speciale a Campagnola (PD), a Este e Monselice Primo premio concorso di pittura a Vescovana, Secondo premio concorso di pittura ad Este, primo premio ex aequo concorso di pittura estemporanea gli “Angoli più belli del Prato” a Padova, ed è premiato anche a Montemerlo (PD) Primo premio concorso di pittura ad Arre, Primo premio concorso di pittura ad Este.

(Editor Stefania Vitale)