Scatti Su Tela – I Colli Euganei attraverso luce e colori

Dal 18 al 24 luglio 2018, presso Villa Pisani e i Giardini Comunali di Monselice, sono state esposte le opere realizzate durante il progetto Scatti su Tela – I Colli Euganei attraverso luce e colori; un laboratorio creativo promosso dall’Associazione Due Punti Aps e finanziato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Monselice tramite il bando “Abbiamo Idee Frizzanti” 2017. Una decina di giovani del nostro territorio, dai 16 ai 29 anni hanno potuto esprimere le loro emozioni attraverso la fotografia e la pittura.

Il percorso è stato suddiviso in tre fasi:
1 > LAB. FOTOGRAFICO con il Fotografo Carlo Alberto Paris
2 > LAB. ARTISTICO con la Docente Mirella Tonellotto
3 > ALLESTIMENTO in spazi urbani di #Monselice da rigenerare

I fotografi e pittori partecipanti sono stati: Yvette Umilietti, Davide Greggio, Giulia Mancini, Rachele Calamai, Martina Veronese, Enrico Favaro, Diana Zerbetto, Chiara Destro, Chiara Forlin e Nicolas De Zuan.

La creatività di Diana Zerbetto; Presidentessa dell’Associazione Due Punti Aps di Monselice.

Opera di Diana Zerbetto

Commento: L’artista ottiene un perfetto equilibrio nell’accostamento di pennellate sottili, secche e grasse,  creando effetti piacevoli, come il senso di movimento e l’aspetto setoso dell’acqua.

Opera di Martina Veronese.

Commento: Del quadro colpisce non solo l’accostamento dei colori ma anche la luminosità complessiva presente nel particolare del paesaggio, che immerge l’osservatore in una natura incontaminata.

L’artista è una giovane che opera nel Servizio Civile Nazionale,  conosciuta nel territorio monselicense per Bassa P. per aver coordinato il primo piano di intervento delle Politiche Giovanili sostenuto da una rete di 29 comuni della Bassa.

Dipinto di Giulia Mancini

Commento: Nellla sua composizione anche marroni e grigi assumono un’aura luminosa dando al suo dipinto astratto una sensazione di luce e un senso di corporeità

Opera di Davide Greggio.

Commento: I colori e il paesaggio esprimono tutta la bellezza dei Colli Euganei.

Opera di Chiara Forlin.

Commento: Il dipinto, solare, dai colori caldi trasmette serenità e gioia di vivere

Opera di Enrico Favaro.

Commento: La scelta del colore blu cupo nel cielo, colore che Van Gogh identificava con l’infitiro, non è casuale, suggerisce la profondità spaziale e l’albero dipinto singolarmente riesce a trasmettere nell’osservatore un profondo senso di solitudine e tristezza.

Dipinto di Yvette Umilietti, ex studentessa dell’Accademia di Belle Arti di Venezia e nota pittrice monselicense.
Fotografia di Nicolas De Zuani

Commento: La pittrice Yvette Umilietti e il fotografo Nicolas De Zuani scelgono di rappresentare “la scala” per il suo valore simbolico: l’età adulta, il compimento di una vocazione, la felicità o il dolore. La scala è ripida, nessuno può aiutarci ad affrontarla. Siamo noi a dover trovare il coraggio di avviarci là sopra, qualunque cosa ci attenda.Un esempio del suo valore simbolico si può trovare ne La presentazione di Maria al Tempio di Jacopo Tintoretto (Venezia, chiesa della Madonna dell’Orto, 1552-56).

Opera di Rachele Calamai.

Commento: I colori freddi usati dall’artista, come il blu, il viola, l’azzurro, il verde esprimono quiete, passività, calma e, allo stesso tempo malinconia.

Una bellissima iniziativa che ha favorito i giovani mettendo in evidenza il loro talento artistico e dandone visibilità. Due Punti è un’associazione di promozione sociale nata nel 2016 dall’idea di un gruppo di giovani di Monselice per incrementare il benessere sociale attraverso la diffusione e la pratica della cultura. Il progetto è riuscito a coinvolgere anche gli studenti dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Cattaneo – Mattei” e ha messo in evidenza le potenzialità di tale associazione.

  

 

Si consiglia ai giovani di aderire alle loro prossime iniziative, sono delle occasioni importanti per innescare nuove sinergie e reti nel nostro territorio.

(Editor Stefania Vitale)