Streghe e vampiri al Castello di Monselice

Un maniero popolato da creature magiche. Dal 17 al 26 ottobre 2019 il Castello di Monselice si trasforma nel set di A Discovery of Witches 2: ospita infatti le riprese di questa serie televisiva horror-fantasy prodotta dalla società Bad Wolf Ltd per Sky/Hbo e tratta dalla trilogia All Souls dell’autrice statunitense Deborah Harkness. Il primo romanzo della saga, Il libro della vita e della morte (Piemme, 2011), narra di Diana Bishop, studiosa di alchimia e discendente da una stirpe di streghe. La giovane un giorno scopre un antico manoscritto rimasto celato per secoli e destinato a cambiarle l’esistenza.

La ragazza, che ha sempre cercato di tenere la magia fuori dalla sua vita, ora avverte l’irresistibile potere di questo oggetto. Il manoscritto attrae però anche demoni e vampiri. Tra questi ultimi c’è Matthew Clairmont, professore di genetica appassionato di Darwin. Insieme Diana e Matthew intraprendono il viaggio per sviscerare i segreti celati nel libro. Ma l’amore che ben presto li unisce, un amore vietato da leggi radicate nel tempo, rischia di spezzare il fragile equilibrio tra le creature e gli umani, scatenando un conflitto che può avere conseguenze terribili.

Prende il via da qui una saga emozionante e ricca di colpi di scena, che prosegue con nuove avventure in L’ombra della notte (Piemme, 2013) e Il bacio delle tenebre (Piemme, 2015). La Harkness, specializzata in storia, e in particolare nella storia della scienza e della magia nell’Europa dal 1500 al 1700, ha insegnato in vari atenei americani. Il libro della vita e della morte, suo esordio letterario, ha riscosso grande successo, venendo pubblicato in oltre trenta Paesi. La scrittrice ha un sito: www.deborahharkness.com.

Già la prima stagione di A Discovery of Witches era stata girata in parte a Venezia, in parte nel Castello di Monselice e in parte nel cuore di Arquà Petrarca (dove si era messo in scena l’arrivo dei due protagonisti a bordo di un’automobile Tesla). Per la seconda stagione la città della Rocca si riconferma una delle location chiave delle vicende della serie. Le riprese nel manierovedono coinvolti anche i figuranti di alcune contrade cittadine, protagonisti ogni anno del corteo storico della Giostra.

Monselice sembra avere un rapporto privilegiato con le produzioni cinematografiche e televisive. Nel 2016 erano giunte all’ombra della Rocca Claudia Cardinale, impegnata nella realizzazione del film Niente di serio, e la troupe di Rosso Istria. Nel 2013 era stata la volta di Checco Zalone per Sole a catinelle e Carlo Mazzacurati per La sedia della Felicità. Negli anni Settanta Monselice fu invece il set di alcune scene del film L’Ingenua: nel cast c’era Ilona Staller, nota anche come Cicciolina. Sono state numerose negli anni pure le apparizioni della città in programmi di intrattenimento o divulgazione culturale, da Uno Mattina a Ulisse. Infine di recente Il gioco del silenzio, cortometraggio curato dai registi Diego Loreggian e Alessandra Gonnella, ha fatto rivivere una tragedia dimenticata avvenuta sul finire della Seconda Guerra Mondiale nella frazione di San Cosma.